IeSF chiama, SMeSPA risponde.

Lo scorso Giugno, la piccola associazione di San Marino è entrata a far parte della grande famiglia IeSF (International Esports Federation), che oggi conta al suo interno ben 71 stati membri. Pochi mesi dopo, puntuale come tutti gli anni nonostante la pandemia, la Federazione annuncia la dodicesima edizione dell’Esports World Championship. Il piatto è ricco e SMeSPA è pronta. Ma come si svolge questo torneo internazionale?

Innanzitutto di quali esport parliamo? I titoli selezionati dal comitato organizzatore, riconfermati dalla scorsa edizione, saranno eFootball PES 2020, Tekken 7 e infine DOTA 2. Tre videogiochi, tre diversi generi tra i più rinomati nella realtà esportiva (simulazione sportiva, combattimento e moba). Mancherebbe uno shooter, ma i fan dovranno riporre le speranze di vedere i vari CS:GO, Overwatch o il nuovo Valorant nelle prossime edizioni. Dicevamo, il torneo mondiale. Si svolgerà in tre fasi: le selezioni dei rappresentanti nazionali (entro la fine di settembre); a seguire le qualifiche, rigorosamente online, per selezionare la crème de la crème tra i partecipanti, quelli che poi disputeranno le fasi finali in Israele, a Eilat, con tanto di viaggio e alloggio spesati dalla federazione stessa.

eFootball PES 2020 (KONAMI)

Un’occasione d’oro (top tier, direi) per San Marino di splendere in un settore nuovo di zecca, quello degli sport elettronici, come quella degli ultimi europei di PES, indetti dalla stessa UEFA. Infatti, il consiglio direttivo e lo staff di SMeSPA sono già all’opera per concretizzare le selezioni nazionali. Si terranno a metà settembre (data precisa ancora da stabilirsi, mentre infuria una nuova ondata di contagi) per PES e Tekken. Per DOTA purtroppo mancano i mezzi, e si rimanda quindi all’anno prossimo. I vincitori di questi tornei avranno l’onore e l’onere di rappresentare San Marino al World Championship per la prima volta nella storia.

Tekken 7 (BANDAI-NAMCO)

Leave a Reply

Your email address will not be published.